Spegnete il CELLULARE

I cellulari, da quando sono stati inventati, hanno la possibilità di essere spenti, o addirittura di essere messi nella modalità SILENZIOSO.

Miracoli della tecnologia…

Sembra ovvio tutto ciò… ma in realtà non sembra essere proprio così.

Non c’è cosa più odiosa, ve lo assicuro, in teatro, essere disturbati dal bip incessante di notifiche di qualche messaggio, mail, o altro ancora… per non parlare della suoneria impazzita di qualche cellulare che squilla facendo più rumore di una sirena della macchina della polizia.

Quando entrate in una sala teatrale… per favore… fate silenzio… e spegnete quei maledetti cellulari.

Se li spegnete per un’ora e mezza… due ore… non succede nulla di male… non li rovinate e non vi rovinate… anzi, forse riuscireste a godervi del tempo lontano da quelli aggeggi, ricominciando ad immaginare e ad assimilare emozioni.

Con i vostri cellulari accesi, con quelli schermi sempre illuminati, non solo andate a disturbare la performance dell’attore e della messa in scena, ma disturbate anche il pubblico, anche quelle persone che sono veramente interessate a cogliere lo spirito del teatro.

Non sono il primo… e non sarò nemmeno l’ultimo a fare questo appello.

Molti di voi crederanno che sia esagerato in questa mia esternazione… ma vi assicuro… che in ogni spettacolo fatto, in ogni spettacolo… e in ogni spettacolo visto da spettatore c’e sempre stato un momento… in cui un maledetto cellulare ha iniziato a squillare… e puntualmente… nascosto in qualche angolo oscuro… in qualche punto irraggiungibile dalla mano del suo padrone, dando all’oggetto la possibilità di dar sfoggio di tutta la sua potenza e durata sonora.

Per non parlare del fatto… che gli schermi luminosi… in una sala buia, hanno lo stesso effetto di un faro da stadio sparato negli occhi.

Per favore… di nuovo ve lo chiedo, per favore… SPEGNETE IL CELLULARE.

Staccate la spina a quel cellulare, scollegate il cervello da quel cellulare e ricominciate a pensare con la vostra testa e… godete delle emozioni che il teatro può regalare.

 

Daniele Ferrari

#spegneteicellulari

#scollegateilcervello

 


Torna al Blog
Condividi!
Nascondi